Pubblicato in: AUTOSTIMA, IDENTITA' E AUTOSTIMA, PSICOLOGO SAN CESAREO, PSICOTERAPIA PSICOANALITICA

Narcisismo e Psicoterapia: la ferita narcisistica genera rabbia

Art.correlato “L’efficacia in Psicoterapia”

– Che cos’è l’equilibrio narcisistico? Cosa lo differenzia dal patologico?

“L’ equilibrio narcisistico” è fondamentale per l’ esistenza di ogni essere umano e con equilibrio mi riferisco a ciò che intende la psicologia del sè: è la condizione di equilibrio affettivo in cui i nostri valori, ideali, principi, ambizioni e mete possono avviarsi; sono in qualche modo attivi, organizzati e armonizzati in termini di  vitalizzazione verso il nostro naturale  senso di autorealizzazione. L’equilibrio narcisistico concide con la sensazione di sentirsi in qualche modo “coesi” con se stessi e questo può avvenire se si è stati emotivamente sostenuti ed affettivamente riconosciuti. E’ riferito alla capacità di sperimentare le gioie e i dolori dell’esistenza e di vivere  nella coerenza con se stessi; ciò è frutto di una profonda “conoscenza di sè” e dell’essere a contatto con l’ambizione di realizzare la propria persona attraversando e tollerando maggiormente le inevitabili sfumature emotive presenti nella nostra vita.

La sensazione di stare bene con se stessi,  la capacità di tollerare le sconfitte senza necessariamente cadere in un abisso senza fine, le buone relazioni e la capacità di scegliere persone con le quali stare bene è indice che il nostro “equilibrio” narcisistico (autostima) funziona bene. L’essere affermativi e il “sapersi confrontare” senza essere necessariamente  rabbiosi, la capacità di ascoltare il punto di vista dell’altro, la capacità di attivare azioni costruttive, anzichè distruttive,  è indice che la nostra vita  è orientata al nostro benessere,   funzionale e matura.  Sentiamo che il nostro senso affettivo ed esistenziale  è vitale; le inevitabili vicissitudini dolorose della vita, possono essere affrontate.

Alcuni aspetti della sofferenza nel narcisimo patologico:  c’è una grande ferita affettiva alla radice, i fantasmi incosci dell’infanzia lavorano nel presente, l’assenza empatica e l’incomprensione degli altri generano importanti ferite e il narcisismo non trova il suo equilibrio per cui rischia di avvicinarsi più sul versante patologico.

La ferita, che lavora a livello inconscio, riguarda soprattutto  un mancato riconoscimento, prima di tutto affettivo, genitori che pongono in primo piano solo se stessi, di conseguenza persiste un disconoscimento che può essere al proprio bisogno, al proprio stato, al proprio impegno, al proprio dolore, alla propria affettività, alle proprie conquiste e  in generale al proprio esserci.  La rabbia cresce e dirompe, quindi,  non si riesce a vivere   all’altezza delle proprie aspettative e in qualche modo si  sabota se stessi e non si riesce mai ad ottenere quel sano riconoscimento, cui paradossalmente si ricerca, si sfocia in comportamenti eccessivamente esibizionisti o in stati depressivi e si è pervasi dal senso di grandiosità ed incapacità empatica verso gli altri.Ciò non solo porta ad un malessere interno psico-fisiologico (senso di vuoto e depressione o senso di grandiosità) ma al contempo a conseguenze sociali significative. Questo è un argomento molto complesso.

La condizione più probabile per chi ha subito con continuità incomprensioni  dei propri bisogni, già in età precoce,è quella  di porsi   a dura prova, spesso con  un’ incessante sfida con l’altro; Heinz Kohut, uno dei massimi studiosi della patologia narcisistica, afferma che l’intesa rabbia provata da queste persone ha  “l’obiettivo inconscio di cancellare  l’offesa di chi ha osato opporglisi, incomprendere, dissentire o fargli ombra”. Questa sensibilità e “difesa inconscia” non permette di vivere serenamente il percorso della vita.

Le reazioni nel narcisismo patologico: 

La rabbia  può divenire una caratteristica di quella specifica persona. A volte si nasconde l’aspettativa  di quella conferma mai avvenuta poichè la comprensione passata è stata fallimentare. Si è scarsamente in contatto con la propria organizzazione interna e la propria esperienza. La percezione del sé e dell’altro viene vissuta e guidata  da esperienze reattive molto forti. La risposta rabbiosa, la percezione di grandiosità, a volte di arroganza,   l’eccessiva svalutazione dell’altro, l‘incapacità di comprendere l’altro, il senso di vergogna sono indici di un  profondo malessere interno.

La ricerca incessante della mancanza:

E’ come se ci fosse un arresto a modalità relazionali arcaiche, trascorse, rimaste immodificate e insoddisfatte, isolate dal resto della psiche (scisse), perché mai comprese e a cui mai nessuno ha dato una risposta di convalida, per esempio, l’approvazione per  un talento. La possibilità di realizzare il proprio talento per esempio viene celato dalla “disapprovazione” o da questo  mancato riconoscimento. La conseguenza si traduce come incessante e famelica “ricerca di diffuse conferme”.  In questo breve articolo è semplificato solo un aspetto di ciò che è il prodotto dell’incomprensione empatica ma la condizione del narcisista patologico è molto ma molto più complessa e implica un’approfondimento del significato soggettivo che può avvenire solo in un contesto protetto di psicoterapia.

Marialba Albisinni (Riferimenti teorici- La Ricerca del Sé –  Heinz Kohut, 1978, Boringhieri – La Guarigione del Sè – H.Kohut – La Cura Psicoanalitica H. Kohut- Potere, Coraggio e Narcisismo – H.Kohut – I Contesti dell’essere Storolow). ————————————————————————————————————————————-

PSICOTERAPIA PSICOANALITICA E PSICOLOGIA DEL SE’: VERSO UN EQUILIBRIO NARCISISTICO

La psicologia del sè,  si occupa  principalmente di problematiche narcisistiche e  la mobilitazione della rabbia è uno dei tanti  punti importanti nella terapia. Queste persone sono apparentemente intrattabili, tendenzialmente non richiedono un trattamento poichè il senso di grandiosità prevale ed è  difficile per loro  ammettere che abbiano bisogno di un aiuto.  In questo senso la psicoterapia ad orientamento psicoanalitico attiva  diversi  processi tra terapeuta e paziente in una relazione evoluzionistica più che ripetitiva.

La nuova situazione  analitica, in termini di nuova esperienza relazionalel’elaborazione di ciò che è avvenuto e di ciò che avviene, sono  protese a comprendere e trasformare il proprio sé, arricchendolo in modo più maturo e sano avviandolo in aree più vicine alla propria persona, ai propri bisogni e  in un lavoro in cui l’intersoggettività tra sè e l’altro facilita una crescita più matura. Questo tipo ti terapia è un percorso molto impegnativo e abbastanza lungo, poichè in parte è la relazione che cura e ciò che viene sollevato a livello inconscio e nelle elaborazioni transferali tra analista e paziente.

Marialba Albisinni

(Riferimenti teorici- La ricerca del sé –  Heinz Kohut, 1978, Boringhieri – La guarigione del sè – H.Kohut – La cura psicoanalitica H. Kohut- Potere, coraggio e narcisismo – H.Kohut – I contesti dell’essere, Atwood e Stolorow).

Annunci

Autore:

Ci sono persone che non smetteranno mai di cercarsi, di comprendersi più a fondo di quanto generalmente l'uomo sopporti, che insistono per riconoscere anche la loro esistenza, e quella di altri, in privato, in silenzio, con la propria voce, nel rispetto di sè e della diversità... io sono una di quelle e generalmente chi cerca me è mio affine ed io lo accolgo.

2 pensieri riguardo “Narcisismo e Psicoterapia: la ferita narcisistica genera rabbia

  1. Questo articolo mi fa riflettere sulla mia situazione e sulla difficoltà che probabilmente ho nelle mie relazioni rabbiose. Complimenti e grazie per la riflessione.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...