Pubblicato in: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA

I Disturbi di Personalità


pablo_picasso_569_dora_maar

Non dimenticare mai che c’è una soggettività per ogni persona

I disturbi di personalità cominciano a svilupparsi durante l’arco della vita e l’esordio avviene per lo più in adolescenza e tarda adolescenza.
Lo scopo è informare, intervenire quanto più possibile sulla prevenzione prima che il disturbo si cronicizzi.
Tutti i disturbi di personalità provocano una grande sofferenza e hanno origini psicologiche esplorabili e da comprendere. La valutazione può essere fatta solo tramite colloqui clinici o test diagnostici da parte dello psicologo.

Si parla di disturbo di personalità quando il disagio interiore e comportamentale è pervasivo e inflessibile, esordisce nell’adolescenza o nella prima età adulta, è stabile nel tempo e determina disagio o menomazione (invalidità).

Gruppo A: disturbo paranoide, schizoide e schizotipico di personalità. Gli individui di questo gruppo spesso appaiono strani ed eccentrici (sul versante più psicotico).

Il disturbo paranoide di personalità: è un pattern caratterizzato da sfiducia e sospettosità, per cui le motivazioni degli altri vengono interpretate come malevole.
Il disturbo schizoide di personalità: è un pattern caratterizzato da distacco dalle relazioni sociali e da una gamma ristretta di espressività emotiva.
Il disturbo schizotipico di personalità: è un pattern caratterizzato da disagio acuto nelle relazioni affettive, distorsioni cognitive o percettive ed eccentricità nel comportamento.

Gruppo B: include il disturbo antisociale, borderline, istrionico e narcisistico di personalità. Gli individui di questo gruppo appaiono amplificativi, emotivi ed imprevedibili (sul versante stati limiti, personalità eccentriche).

Il disturbo antisociale di personalità: è un quadro caratterizzato da inosservanza e violazione dei diritti degli altri.
Il disturbo borderline di personalità: è un pattern caratterizzato da instabilità delle relazioni interpersonali, dell’immagine di sé e degli affetti, e da marcata impulsività.
Il disturbo istrionico di personalità è un pattern caratterizzato da emotività eccessiva e da ricerca di attenzione.
Il disturbo narcisistico di personalità è un pattern caratterizzato da grandiosità, bisogno di ammirazione e mancanza di empatia.

Gruppo C: include i disturbi evitante, dipendente e ossessivo compulsivo. Gli individui di questo gruppo appaiono spesso ansiosi e timorosi (sul versante nevrotico, personalità angosciante).

Il disturbo evitante di personalità: è un pattern caratterizzato da inibizione sociale, sentimenti di inadeguatezza e ipersensibilità ai giudizi negativi.
Il disturbo dipendente di personalità: è un pattern caratterizzato da comportamento sottomesso e adesivo legato ad eccessivo bisogno di essere accuditi.
Il disturbo ossessivo compulsivo di personalità: è un pattern caratterizzato da preoccupazione per l’ordine, perfezionismo ed esigenze di controllo.

Non dimenticare mai che c’è una soggettività per ogni persona

http://www.psicoterapiaeconsulenza.com

Pubblicato in: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA

La terapia psicodinamica: oltre i sintomi


psicoterapia gabbardLa terapia psicodinamica per la sua storia, la sua funzionalità terapeutica è diventata in questi ultimi anni oggetto di ricerca empirica e numerosi studi dimostrano l’efficacia di tale trattamento. E’ una terapia affascinante e complessa che non prevede un’esclusiva focalizzazione sui sintomi, ma mira a favorire lo sviluppo di capacità e risorse psicologiche che riguardano le relazioni interpersonali, la sessualità, l’autostima, la regolazione affettiva, la comprensione di sé (Nino Dazzi, Anna Speranza, 2010), la consapevolezza dei confitti inconsci ecc. E’ più vicina ad una dimensione esistenziale, poichè coinvolge gli aspetti integrativi della persona, la sua storia, il presente in una prospettiva di continuità futura, il suo modo di organizzare l’esperienza nella configurazione relazionale sè/altro . Gi aspetti consci e d inconsci. L’emotivo e il cognitivo. I processi di regolazione emotiva in una dinamica inter-soggettiva. Continua a leggere “La terapia psicodinamica: oltre i sintomi”

Pubblicato in: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA

Psicoterapia e Psicoanalisi- La Psicologia del Sè


Heinz kohut

Dalla cura psicoanalitica di Heinz Kohut: <<L’esperienza mi ha insegnato come sia errato guidare il paziente all’analisi di traumi precoci>> Continua a leggere “Psicoterapia e Psicoanalisi- La Psicologia del Sè”

Pubblicato in: AUTOSTIMA, DEPRESSIONE, DEPRESSIONE E MALESSERE, DONNA

DEPRESSIONE POST-PARTUM: presa di coscienza e cambiamento


La differenza tra una madre buona e una cattiva non sta nel commettere errori, ma in ciò che si fa degli errori commessi. D.W. Winnicott

Alcuni clinici e ricercatori (Kumar e Robson, 1984), descrivono le donne come sofferenti di depressione post-partum principalmente basandosi sul sintomo di umore triste o depresso.
La sintomatologia ricorrente riguarda l’incapacità della madre di dormire, difficoltà di concentrazione, instabilità e irritabilità dell’umore. Continua a leggere “DEPRESSIONE POST-PARTUM: presa di coscienza e cambiamento”

Pubblicato in: AUTOSTIMA, DEPRESSIONE, DEPRESSIONE E MALESSERE, PSICOTERAPIA PSICOANALITICA

“La depressione: narcisismo e vulnerabilità”


Notte stellata sul rodano
Notte stellata sul Rodano- 1888 -Vincent Van Gogh

...E che a nessun costo ero disposto a rinunciarvi in futuro alla storia, sol perchè in passato avevo di essa sofferto. …e ciò che dissi contro <>, lo dissi come uno che di essa imparava lentamente, faticosamente a guarire. Friedrich Nietzsche, da Umano troppo umano, vol. sec. Continua a leggere ““La depressione: narcisismo e vulnerabilità””