Pubblicato in: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA

Quale psicoterapia?

cropped-cartolina-logo1.jpg

Ogni teoria è formulata in base alla personalità soggettiva di chi la concepisce creativamente, è il presupposto concettuale su cui fa leva la psicoanalisi nella prospettiva intersoggettiva (Atwood e Stolorow, 1979 in Faces e Cloud) che rileva la rintracciabilità soggettiva sugli studi psico-biografici di personaggi della valenza di Freud, Jung, Reich e Rank.

Stolorow parte dall’assunto   che la personalità di chi elabora la teoria di riferimento sia influente, nel creare il concetto teorico.

Secondo la prospettiva intersoggettiva (Storolow e Atwood, 1979), ogni terapeuta abbraccia e sposa una teoria in base alla sua personalità e alla sua modalità di organizzare la propria esperienza. Mi esulo dall’approfondire l’enorme mole teorica.

Il paradigma relazionale in termini di scambio clinico tra terapeuta e paziente è un denominatore comune tra gli approcci principale;  i fattori implicanti per un buon trattamento sono l’alleanza, lo scambio, la valenza del contesto, il sistema, i confini, la collaborazione, la metodologia, la comprensione empatica, la condivisione emotiva, la regolazione e la soggettività.

Per quanto riguarda l’efficacia dei diversi approcci, riportiamo l’intuizione di Saul Rosenzweig che già nel 1936, attraverso la “metafora del verdetto di Dodo”, spiega come diversi tipi interventi psicoterapici abbiano lo stesso effetto sull’efficacia di un determinato disturbo.

Saul Rosenzweig, spiega, attraverso la metafora del verdetto di Dodo: alcuni animali di Alice nel Paese delle meraviglie di Lewis Caroll, ritrovandosi tutti bagnati devono trovare una soluzione su come asciugarsi. É per l’appunto il Dodo a trovare la risoluzione, tutti devono correre lungo un percorso iniziando la corsa in diversi momenti e fermandosi quando lo desiderano.

Non importa la forma esatta di come ciò avviene. Nell’epilogo risolutivo, gli animali, tutti asciutti chiedono chi avesse vinto e il Dodo risponde “tutti hanno vinto e ognuno deve ricevere un premio”.

In questo senso, tale concetto viene esteso metaforicamente ai diversi trattamenti terapeutici, in quanto tutti sono giunti ad una risoluzione, in questa ottica è importante il verdetto, il risultato, non il metodo. L’aspetto fondamentale probebilmente sta nello scegliere queo più consono a sè.

C’è un grande impegno nella ricerca clinica di comprendere ciò che più risulta efficace. Anche il paradosso dell’equivalenza (Stiles et al., 1999; Luborsky et al., 2002), elaborato da Luborscky si basa sull’assunto aderente alla metafora di Dodo e ne rafforza l’intuizione di Rosenzweig.

Il paradosso dell’equivalenza asserisce che “sebbene i diversi approcci terapeutici si basano su differenti modelli concettuali rispetto alla psicopatologia e al processo di cura, essi sono equivalenti nei risultati”(Dazzi, 2006).

L’efficacia terapeutica probabilmente dipenderà anche dalla fiducia che si ha nell’abbracciare una prospettiva anziché un’altra perché vicine al modo di organizzare la propria mente.

I tre principali tipi di interventi di trattamento psicoterapeutico sono:

1. L’orientamento sistemico relazionale, focalizza il suo intervento considerando il sistema familiare e le relazioni sane e non sane all’interno di tale sistema;

2. L’orientamento cognitivista, suddiviso in cognitivismo evoluzionistico e cognitivismo più prettamente comportamentale (Fairbuirn, 2005);

3. L’orientamento psicodinamico:  oggi più che mai  la psicoanalisi contemporanea è connotata come psicoterapia (più distante sul versante interpretativo e vicina alla fenomenologia, ossia all’esperienza) racchiude ricerche che sono pietre miliari per la clinica e la psicoterapia poichè vicina all’esperienza e all’intersoggettività dell’uomo nel suo contesto relazionale e alla sua storicità in una prospettiva evolutiva (Michtell, Bowlby, Kohut, Lichtenberg, Stolorow ecc.).

Il cognitivismo e la psicoanalisi relazionale si connettono con gli studi neuroscientifici   traendo un maggior risultato di validità scientifica.

Sempre più  studi dimostrano come la nuova esperienza psicoterapica, co-costruitain un processo relazionale tra terapeuta e paziente  permette una nuova modalità di organizzarsi in relazione tra sè con l’altro,   ciò facilita anche  la formazione  di nuove reti neurali, deputati  alla possibilità di mentalizzare e di comprendere lo stato emotivo dell’altro.

Autore: Marialba Albisinni

Bibliografia

  • Volti tra le nuvole, Borla- Atwood e Storolow, 1979- ed. italiana
  • La ricerca in psicoterapia-  Il Mulino di Dazzi, Lingiardi
Annunci

Autore:

Ci sono persone che non smetteranno mai di cercarsi, di comprendersi più a fondo di quanto generalmente l'uomo sopporti, che insistono per riconoscere anche la loro esistenza, e quella di altri, in privato, in silenzio, con la propria voce, nel rispetto di sè e della diversità... io sono una di quelle e generalmente chi cerca me è mio affine ed io lo accolgo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...