Pubblicato in: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA

Sulla Psicoanalisi e il linguaggio analitico

conversare

Sulla Psicoanalisi

Sul  linguaggio tra analista e analizzando: “Quando l’analisi è un impresa continua  la loro invenzione è unica” (Winnicott, 1964)

“Fondamentale per un’esperienza analitica che abbia un buon esito è lo sviluppo dell’uso di un linguaggio adeguato al compito di comunicare a se stessi e agli altri qualcosa di quello che uno sente e pensa. Non esiste una forma ideale di dialogo analitico.

Al contrario, il modo in cui l’analista e l’analizzando parlano l’uno con l’altro è qualcosa che devono inventare per se stessi. Quando analista e l’analizzando sono in grado di pensare e parlare per se stessi, non usano n linguaggio preso in prestito, per esempio un gergo, un cliché e termini tecnici. Il loro linguaggio tende ad essere vivace, le loro metafore coniate di fresco e alla buona.

Il loro uso del linguaggio ha lo scopo di comunicare, non di confondere, di generare comprensione, di dire qualcosa che sia fedele all’esperienza emotiva, non che modifichi la realtà.

Da “L’arte della Psicoanalisi di Thomas H. Ogden”

Annunci

Autore:

Ci sono persone che non smetteranno mai di cercarsi, di comprendersi più a fondo di quanto generalmente l'uomo sopporti, che insistono per riconoscere anche la loro esistenza, e quella di altri, in privato, in silenzio, con la propria voce, nel rispetto di sè e della diversità... io sono una di quelle e generalmente chi cerca me è mio affine ed io lo accolgo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...